Cosa sono i ponti mobili?

Women eating with husband
Women eating with husband

I ponti mobili superiori e/o inferiori sono concepiti per colmare il vuoto lasciato da uno o più denti mancanti, in modo da poter sorridere senza preoccupazioni. I ponti mobili possono essere sganciati e rimossi all'occorrenza e contribuiscono a migliorare la funzione masticatoria e a infondere un maggior senso di sicurezza in caso manchino solo pochi denti.

Esistono due tipologie di ponti mobili:

Ponti mobili scheletrati

I ponti mobili scheletrati presentano dei ganci metallici ancorati ai denti naturali, che assicurano un maggiore livello di stabilità. Tuttavia, anche in presenza di un ottimo adattamento alle gengive e al tessuto osseo, bisogna considerare la possibilità di un loro leggero spostamento.

Ponti mobili in resina acrilica

Alcuni ponti mobili sono realizzati interamente in resina acrilica e sono dotati di ganci che vengono ancorati alla dentatura rimanente. Rappresentano un’alternativa economica ai ponti mobili in metallo. Possono anche essere usati come protesi provvisorie quando sono previsti altri trattamenti protesici, come gli impianti.
È anche possibile optare per un ponte mobile flessibile – in tal caso il dentista ti consiglierà al meglio.

Come pulire i ponti mobili

È importante prestare particolare attenzione alla pulizia dei ponti mobili perché risultino freschi e confortevoli in bocca. Adottare una routine di pulizia quotidiana è importante per mantenerli in buono stato. Per facilitare la rimozione delle macchie più ostinate, lasciare a bagno il ponte mobile in una soluzione detergente per protesi, come Polident, o per il periodo di tempo indicato sulla confezione.

Successivamente, spazzolare la protesi con uno spazzolino a setole morbide per una pulizia adeguata della protesi e l'eliminazione di ogni possibile residuo. Sciacquare accuratamente la protesi con acqua corrente per rimuovere la soluzione in eccesso prima di indossarla di nuovo per una sensazione di freschezza.